La cooperazione e l'azione culturale

Francia e Italia condividono la medesima passione per l’arte, che rappresenta un luogo privilegiato per lo sviluppo degli scambi.

Attraverso una programmazione artistica a tema e la realizzazione di spettacoli, proiezioni e incontri, e grazie alla presenza di artisti francesi sulle scene italiane, viene presentato al pubblico italiano il meglio della creatività francese. L’Institut français Italia rivela al pubblico italiano la ricchezza e le peculiarità della produzione artistica francese e favorisce il dialogo culturale, promuovendo scambi artistici che rivelano convergenze, influenze reciproche, ispirazioni comuni, ma anche le diversità e le specificità artistiche in Francia e in Italia, facilitando in tal modo la trasmissione dei saperi.

 

La Cooperazione culturale

Le Arti dello spettacolo (quali il teatro, la danza, la musica ma anche il circo), le arti plastiche, l’architettura, il patrimonio e i musei appartengono a questo settore.

 L’Institut français Italia ha l’importante compito di creare relazioni e mettere in contatto le istituzioni culturali dei due paesi. Interlocutore naturale del Ministero della Cultura e della Comunicazione (MCC) e delle istituzioni culturali francesi che cooperano con quelle italiane, stimola l’attivazione di accordi in ambito culturale. Una recente “Dichiarazione congiunta per una collaborazione in ambito musicale” tra il MCC e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBAC) ha rinsaldato i legami tra la stagione musicale Suona francese, organizzata dall’Institut français Italia, e il suo omologo italiano, Suona italiano, organizzato in Francia dalle istituzioni italiane.

Da diversi anni il calendario artistico scandisce gli appuntamenti sulle scene italiane e le attività dell’Institut:

                     - Suona francese, per la musica
                     - Progetti teatrali
                     - FranceDanse, per la danza contemporanea                   
                     - Piano, piattaforma franco-italiana per l'arte contemporanea
           

Cooperazione nel settore audiovisivo

Francia e Italia hanno in comune una grande passione per quella che è stata definita la “settima arte”: entrambi i paesi hanno infatti contribuito in maniera significativa allo sviluppo del cinema.

Partendo da questo rapporto privilegiato, l’Institut français Italia opera per mantenere vivi e sviluppare i legami tra le nostre due cinematografie, presentando il meglio della creazione francese contemporanea in Italia. 

Lanciato nel 2011 dall’Institut français, il festival Rendez-vous, appuntamento con il nuovo cinema francese presenta, in versione originale, una trentina di film francesi non ancora usciti nelle sale italiane.
Tale iniziativa ha riscosso grande successo non soltanto presso il pubblico, ma anche tra gli addetti ai lavori francesi e italiani, ed è riuscita così nell’intento di promuovere in tal modo nuove acquisizioni da parte dei distributori italiani.

L’Institut français sostiene attivamente le iniziative italiane nel campo del cinema, in modo particolare il festival France Odéon, rassegna autunnale di cinema francese a Firenze. Inoltre collabora con altri importanti festival, come Il Festival del Cinema di Roma e la sua Business Street, il Rome Independent Film Festival, il Med Film Festival, il Festival del cinema italiano di Annecy, il Festival dei Popoli di Firenze, e altri ancora.

All’interno di questo clima di dialogo e di reciproche influenze l’Institut français Italia promuove una vera politica  dell’audiovisivo, in un momento in cui in questo settore emergono nuove importanti sfide, dal tema dei diritti d’autore alla piaga della pirateria, al digitale, alla televisione interconnessa, a internet e ai video on demand…

 

Cooperazione nel settore librario

L’ufficio per il Libro dell’Institut français Italia ha come missione quella di promuovere l’editoria e gli autori francesi in Italia, accompagnato dalle istituzioni francesi competenti : l’Institut français, il servizio del libro e della lettura del ministero francese della cultura, il BIEF (Ufficio internazionale per l’editoria francese) e il CNL (Centro nazionale del libro) insieme alle istituzioni italiane omologhe: la Direzione generale delle biblioteche, degli Istituti culturali e del diritto d’autore del ministero per i beni e le attività culturali, il centro per il libro e la lettura, l’AIE (Associazione italiana degli editori).

Questa promozione avviene anche attraverso la collaborazione con gli editori italiani che pubblicano autori francesi. Da questa collaborazione nasce il Festival della narrativa francese, lanciato nel 2010, che presenta dal vivo la letteratura francese più contemporanea, con autori di lingua francese recentemente pubblicati in italiano.